Parker Italia

Conoscete le caratteristiche delle nuove Pompe a palette a portata variabile?

Pompe a portata variabile - Parker ItaliaNuova alternativa: Pompe a palette a portata variabile

Le pompe oleodinamiche a velocità di rotazione variabile, con il loro potenziale di risparmio energetico, densità di potenza e temporanea riduzione di rumore, sono attualmente la scelta preferenziale nei sistemi di generazione di potenza idraulica; Con buone ragioni sono un chiaro esempio di come l’oleodinamica contribuisca con successo allo sviluppo degli azionamenti elettrici.

Questo è confermato dalla sempre maggior presenza di questo tipo di applicazioni nella letteratura tecnica di settore, che sembra suggerire l’utilizzo di attuatori stand alone come il futuro delle movimentazioni.

Naturalmente quanto sopra può essere ottenuto anche attraverso l’impiego di attuatori elettromeccanici, ma la necessità di avere motori elettrici integrati e relativi convertitori di frequenza ne aumentano l’ingombro ed i costi. Se lo stesso principio costruttivo è applicato agli attuatori elettroidraulici, le pompe utilizzabili sono quelle che operano sui quattro quadranti, questo limita molto le possibili scelte e naturalmente ne incrementa i costi.

L’oleodinamica, però, consente l’utilizzo multiplo del motore elettrico della centrale di potenza ed un’ampia scelta di pompe adatte per il funzionamento nei due quadranti (pompe nelle quali le porte P e T rimangono invariate indipendentemente dal senso del flusso) e questi sono validi argomenti per la riduzione dei costi generali, considerando che, data la loro dimensione compatta in rapporto alle forze generate, è possibile installare gli attuatori in ogni posizione, anche in spazi ridotti, data la sola necessità di essere collegati tramite tubi flessibili.

Pompe a palette - Parker Italia

Quando si accoppiano pompe oleodinamiche e motori elettrici va considerato il comportamento di ogni possibile combinazione in rapporto alle relative caratteristiche idrauliche, elettriche e meccaniche.

Una portata variabile si può generare tramite una pompa a cilindrata variabile e motore a velocità costante, una pompa a cilindrata fissa accoppiata ad una motore elettrico a velocità variabile oppure dalla combinazione di entrambi i sistemi: pompa a cilindrata variabile ed un motore con variatore di velocità.

Negli studi finora condotti quest’ultima rappresenta la combinazione a più elevata efficienza energetica, ma anche la più complessa da realizzare. In particolare per le portate più basse non vale la pena di affrontare la spesa che questa comporta e si preferiscono delle soluzioni più convenienti con pompe a portata costante. Come riferimento per tutte le soluzioni viene quasi sempre presa in considerazione la pompa a cilindrata variabile azionata da un motore asincrono con velocità di rotazione costante, poiché si tratta di una combinazione affermatasi da tempo sul mercato. 

Pompe a palette - Parker ItaliaLa tendenza verso la progettazione di sistemi funzionanti con portate variabili obbliga i produttori di pompe nate per l’impiego a velocità costante ad adattare i propri prodotti al funzionamento a velocità variabile. In futuro si potrà contare su un'offerta ampliata di forme costruttive sul mercato, ma già oggi, come ulteriore opzione oltre alle varianti che si sono affermate, è disponibile la pompa a palette ottimizzata per operare a velocità variabili. È più silenziosa rispetto ad una pompa a pistoni ed è più semplice da realizzare. La pompa a palette ha un'efficienza volumetrica ed una silenziosità paragonabile a quelle di una pompa ad ingranaggi interni e, funzionando a medie pressioni senza una portata in mandata, con quasi gli stessi tempi di mantenimento della pressione. Va ricordato che i tempi di mantenimento della pressione di tutte le pompe a portata costante non risultano già nella pratica delle restrizioni in quanto devono comunque compensare i trafilamenti del sistema. La pompa a palette è l'unica pompa che può essere montata direttamente sull'albero del motore elettrico, cosa che rende questa soluzione integrata così eccezionalmente compatta e robusta.

 

Categorie
Post Recenti dell'Autore

Perché sostituire l’elemento filtrante per aria compressa?

L’aria compressa è utilizzata in oltre il 90% degli impianti di produzione mondiali, tanto da guadagnarsi l’appellativo di quarta utility industriale dopo elettricità, gas e acqua. Assieme a queste...

Quattro specifiche chiave per un corretto sistema di trasmissione lineare

In materia di attuatori lineari, la scelta della giusta tecnologia di trasmissione è un esercizio di difficile equilibrismo, in quanto non esiste una soluzione univoca. A causa dell’ampia gamma...

Il contributo importante degli attuatori senza stelo per carichi pesanti all’automazione industriale

Le argomentazioni a favore di una maggiore automazione nelle fabbriche e negli impianti di produzione stanno acquisendo slancio e dando vita a una vera e propria rivoluzione negli ambienti...
Commenti

Hai domande su prodotti o servizi Parker? Contattaci per ricevere assistenza!

Note to Conoscete le caratteristiche delle nuove Pompe a palette a portata variabile?

Lascia un commento





Captcha